ARMòNIA proposte culturali
ARMòNIA proposte culturali 

Quando il Tango

attraversa l'Oceano

concerto del 18 febbraio 2018

QUADRISOUND SAX QUARTET

concerto del 21 gennaio 2018

SING SWING 

concerto del 19 novembre 2017

 

scatti by FABIO GRANDI photographer

Serata con Maria Antonietta

Storia, Musica e Spettacolo

22 ottobre 2017

IL ROMANTICO SUONO DEL FLAUTO

concerto due flauti e pianoforte

Filomena de Pasquale Charina Quintana

Luisa Fanti Zurkòwskasja

12 marzo 2017

 

Scatti by Fabio GRANDI fotographer

concerto 12 marzo 2017

flauti e pianoforte

GALLERIA FOTOGRAFICA

CONCERTO 22 1 2017

PAOLO SAVIO

AND

ENSAMBLE AT MOVIES

 

GALLERIA FOTOGRAFICA

CONCERTO

di

       E BAIRAV ENSAMBLE      

ORIENT EXPRESS

16 OTTOBRE 2016

GLI SCATTI DI FABIO GRANDI PHOTOGRAPHER

PER

E BAIRAV ENSAMBLE

ORIENT EXPRESS

 

CONCERTO DEL 16 OTTOBRE 2016

GALLERIA FOTOGRAFICA

CONCERTO OTTETTO DI VIOLONCELLI

13 MARZO 2016

GLI SCATTI DI FABIO GRANDI PHOTOGRAPHER PER

L'OTTETTO DI VIOLONCELLI

CONCERTO DEL 13 MARZO 2016

GALLERIA FOTOGRAFICA
CONCERTO  21 FEBBRAIO 2016

TERESA CASTAL

PAOLO SAVIO

GALLERIA FOTOGRAFICA

CONCERTO

FEDERICO MONTELCI

QUINTETTO POSTACCHINI

GALLERIA FOTOGRAFICA
CONCERTO

CIAVARELLA TAGLIATA

 

SEGUONO GLI SCATTI DI

FABIO GRANDI PHOTOGRAPHER

 

SHOW MUST GO ON

LE RAGIONI DI UN SUCCESSO

 

Il grande lampadario del Salone degli Albicini è acceso, mancano venti minuti all’inizio del concerto e  la sala è piena. Il palco è addobbato con una doppia fila di fiori  di Mauro del Mughetto come usava un tempo al Festival di San Remo prima che la tecnologia scenografica digitale prendesse il sopravvento.  Dalle porte con le tende rosse non filtra quella malinconia interrogativa che aleggia per le strade all’indomani dei fatti di Parigi. Qui si vive la magica atmosfera un po’ retrò dei galà di altri tempi. Arrivano  anche gli amici delle zone contigue a Forlì. Armònia è già diventata una piccola, graziosa istituzione.

Si tratta, però, di contenuti e non solo di forma. Alle 18,30 in punto, come al solito, inizia lo spettacolo. Gli onori di casa del dott. Mambelli, cioè la prestigiosa Scranna impersonata dal suo Presidente, la voce suadente di Jeda Carmen Mocellin, vice presidente di Armònia, con il suo esotico slang brasiliano e poi loro, i grandiosi artisti che hanno meritato lo standing ovation.

Non voglio commentare il concerto: chi c’era c’era e chi non c’era non c’era. Dico solo e come faccio a non dirlo: - una esperienza unica e intensa, anzi intensissima-.

Se taluno sapesse scrivere, scriverebbe, se sapesse parlare, farebbe l’oratore. Come si fa a descrivere la musica ? Bisogna ascoltarla. Posso solo precisare che il depliant di sala era incompleto. Parlava di pianoforte e fisarmonica. Nulla di più falso: c’erano altri strumenti. C’era il cuore, la passione, l’esperienza, la bravura, l’estrosità, c’era il legame tra i due artisti, l’intesa, c’era qualcosa di davvero stregato nella sala. Filomena  de Pasquale, abilissimo direttore artistico e fondatrice del sodalizio, non ha potuto trattenersi e si è commossa. Era visibile a tutti. Questa è Armònia: la capacità di un inquantificabile valore aggiunto. L’arte in amicizia, il bel vivere come formula terapeutica in questa epoca di contraddizioni e di violenza.

                                                               Laura Parodi

                                                         Presidente di Armònia

GLI SCATTI MAGISTRALI

DI

FABIO GRANDI

PHOTOGRAPHER

GALLERIA FOTOGRAFICA

CONCERTO

ALBIANI CYRLUNIK

Con lo straordinario concerto di Albiani e Cyrulnik, si è concluso il ciclo dei quattro eventi di Armònia nel Salone del Palazzo degli Albicini a Forlì.

Filomena de Pasquale, direttore artistico del sodalizio e fondatrice nel 1992 dell'associazione in Puglia, ora estesa in Romagna grazie alle sue sostenitrici e rifondatrici,  Laura Parodi, Rosa Marzullo, Marta Donati e Claudia Cola, ha ringraziato il Presidente del Circolo della Scranna, dott. Roberto Mambelli, padrone di casa,  e i suoi sponsor che l'hanno seguita nel percorso e le cantine che hanno offerto degustazioni nel dopo-concerto.  Ha consegnato la chiave di violino di Armònia allo stesso dott. Mambelli, ai musicisti e a  Mauro del Mughetto al Ronco in Forlì che, con rara generosità e puntuale costanza,  ha sempre adornato magistralmente la sala con piante bellissime e ha gratificato le artiste e gli ospiti con composizioni raffinate.

Il concerto dedicato alla migrazione e al tango, presentato da Rosa Marzullo e Laura Parodi, ha avuto momenti particolarmente toccanti quando,  a sorpresa, due danzatori professionisti hanno aggiunto vibrazioni ai suoni stregati delle chitarre di Giorgio Albiani e Omar Cyrulnik, artisti  internazionali che,  in spola tra l'Italia e l'Argentina,  si trovano a ripercorrere ora, sospinti dall'arte, il tragitto dei migranti di allora, in cerca di spazi essenziali di vita.

Se l'espressione del volto è tra i  testimoni più affidabili del sentimento dell'anima e le movenze del corpo quello più indicativo del lavoro profuso, allora Isha Zecchini e Alessandro Ruffilli non si sono limitati a "tangare" , ma si sono infilati tra le corde delle chitarre e tra le dita dei musicisti, hanno afferrato il cuore del pubblico che s'è fatto uno e calamitato gli occhi di quanti hanno percepito il sentimento di due popoli lontani, di storie parallele e sangue amico, vicini nel palpito, nella passione e nella musica.

La sinergia tra  la Scranna, Armònia,  la Scuola"Tango mi amor", di Forlì che Danza!,  il Mughetto,  e le cantine italiane, ha miscelato ingredienti essenziali e comuni ma che hanno generato,  per  felice intuizione,  uno stimolo di vita e un premio per quanti hanno creduto che sì, con poco si può ottenere molto, sol che a guidare la mente, come afferma Daniel Golemann, sia un cuore genuino, onesto e buono.

 

GALLERIA FOTOGRAFICA

Alcuni pretesi esperti del gioco del lotto sono soliti dividere i numeri estratti per categorie. Tra esse, particolare rilievo sembrano assumere quella dei numeri frequenti e  quella dei numeri ritardatari. Taluni  giocatori si accaniscono nell'inseguire i numeri ritardatari, altri raccontano di spassarsela accumulando vincite con i numeri frequenti.

Quella dello spettacolo è una attività che non ha nulla in comune con il gioco d'azzardo. La professionalità si costruisce con la cura meticolosa del tutto e del particolare. Sta di fatto che se qualcuno avesse puntato  su un terno secco per i primi tre concerti di Armònia, facendo leva sui fenomeni frequenti, ieri sera avrebbe vinto la scommessa.

Tre concerti che hanno avuto un consenso accorato del pubblico, composto, preciso, attento e generosissimo negli applausi.

Al Circolo della Scranna, nell'elegante salone dello storico Palazzo degli Albicini, però, Filomena de Pasquale e Stefano Orioli hanno avuto gioco facile e forse per questo hanno alzato il tiro scegliendo un repertorio particolarmente impegnativo. La prima, pugliese, è però in Romagna da oltre dieci anni, e dal palco ha spiegato come  ci è arrivata per caso e perchè ci è rimasta per scelta. In questo arco di tempo "il più lungo della mia vita trascorso nella stessa città", ha insegnato ed insegna flauto al Conservatorio cesenate, quale vincitrice di concorso da oltre vent'anni, e si è legata a questa terra per più ragioni, tra le prime delle quali è il calore che il pubblico romagnolo le tributa nelle varie performances musicali che lei stessa organizza per i suoi gruppi musicali e, soprattutto, per i suoi colleghi ed allievi.

Il secondo, il M° Orioli, è forlivese per nascita, estrazione, vocazione e destinazione. Insomma:  un romagnolo DOC, una specie di signore d'altri tempi in versione giovanile, non fosse altro per essere all'altezza della bellissima e dolcissima moglie Patrizia Piovaccari, un piede nel centro storico e l'altro a Parigi. Anche Stefano Orioli è stato dunque agevolato dalle circostanze. Ha giocato in casa, tra affezionati estimatori delle sue abilità musicali ed allievi giunti per ascoltarlo, giacchè anche  lui è docente titolare nei Conservatori di Musica di Stato.  E ciò nonostante, più di un presente ha colto un attimo di emozione nel fine dicitore quando lo stesso  Orioli ha lasciato il pianoforte e ha preso a spiegare, con intenso pathos, il tessuto narrativo di un brano eseguito da lui solo con trascinante emozionalità e che ha fatto vibrare la sala. Questa, incapiente già dieci minuti prima del puntualissimo inizio,  ha purtroppo lasciato in piedi quanti non hanno trovato sistemazione tra i numerosi posti aggiunti.

Per quanto poi ci si possa cimentare ad imbastire sommaria cronaca dell'evento, occorrerà arrendersi alla differenza che passa tra il narrato ed il vissuto.

E l'esperienza di iersera andava vissuta. Un concerto è di successo  quando l'ascoltatore  esce arricchito dal luogo ove  ha fruito di uno dei linguaggi più eletti della comunicazione artistica. E nei locali  adiacenti alla sala concerto, tra i fiori de "IL MUGHETTO", i calici del rosso "CONDE'" , l'eco delle parole di Gabrielle Zelli, che da par suo aveva illuminato i convenuti sulla storia del Palazzo, l'ospitalità di Roberto Mambelli, padrone di casa quale Presidente del Circolo della Scranna, sponsor finanziatore della serata in uno con il Ristorante "Al Vecchio Convento" di Portico, le ammalianti espressioni della leggiadra ed elegantissima presentatrice Rosa Marzullo, supportata dalle altre coofondatrici, Claudia Cola,  Laura Parodi,  e Marta Donati, responsabile della produzione, i partecipanti hanno potuto trascorrere davvero una serata di vero bel vivere.

 

 

GALLERIA FOTO BY ARMòNIA

facendo scorrere la pagina, seguono gli scatti di

FABIO GRANDI PHOTOGRAPHER

GALLERIA FOTOGRAFICA

BY
FABIO GRANDI PHOTOGRAPHER

GALLERIA FOTOGRAFICA

Quando Laura Parodi, impeccabile presentatrice, ha suggerito al pubblico nella stipata sala di lasciarsi andare totalmente in relax all’ascolto della quattro arpe, in pochi avrebbero pensato che dal tocco di otto mani sarebbero scaturiti suoni così soavi ed accorati, al punto da non rendere distinguibile l’intervento dei singoli musicisti, tanto era così magistralmente  fuso il risultato.

E’ andata così, nel salone del  Palazzo degli Albicini, la serata dedicata al secondo degli eventi del 2015 della rifondata Associazione Armònia, tra luci soffuse, chiaroscuri sui tendaggi e i grandi quadri, gli stucchi, il parquet e, soprattutto, l’arpeggio di tre giovani artisti e una esperta docente, Stefania Betti,  che tutti guidava con gli occhi e la mimica, pochi segni e qualche parola per il pubblico in estasi.

Loro, Daniele Belluco e le bellissime Monica Micheli e Giuliana Vasapollo, confortati  dalla presenza di uno dei sei costruttori di arpe rimasti al mondo, di cui tre in Italia,  stavano lì  rapiti dagli spartiti e dalla memoria che proiettavano  il pentagramma nel loro cuore, ancor prima che tra le sinapsi e i  neuroni per la magica scintilla che incendia il Concerto.

Una serata indimenticabile che vanifica ogni tentativo di resocontarla, commentarla, descriverla.

Un bimbo, in braccio alla sua mamma spagnola, era rapito da quanto accadeva e batteva le mani dandosi al  più generoso e genuino degli applausi.

Gli altri, c’è da chiedersi, quante volte hanno avuto la possibilità di ascoltare un concerto per sole arpe ma, soprattutto, avrebbero mai immaginato che da tale strumento e così perfetta intesa sarebbe emersa tanta impeccabile sobrietà e così eletta musica? Una siffatta formazione, infatti, è davvero rara.

Hanno avuto gioco facile il Presidente della Scranna, il dott. Roberto Mambelli, il direttore artistico di Armònia, Filomena de Pasquale, la presentatrice Laura Parodi, coadiuvata dalla Responsabile alla Produzione ,Marta Donati  e dai Produttori  Organizzativi  Rosa Marzullo e Claudia Cola, a ringraziare il pubblico!

L’evento è stato arricchito da un delicato intervento polilingue  curato dal Centro  di Studi Teatrali dell’Università di Bologna, Campus di Forlì.

Come  concludere la serata se non con un ottimo calice ? Ci ha pensato la leggiadra Tony Pomarè che ha offerto una degustazione dei vini della Tenuta Pandolfa, accompagnati da rustici che sollecitavano ad “approfondire” l’esame proposto. Come dire:  pago l’orecchio, soddisfatto l’occhio, anche il palato voleva la sua parte.

 

 

 

GALLERIA FOTOGRAFICA
by FABIO GRANDI PHOTOGRAPHER

 

Domenica 18 gennaio 2015, presso il meeting point di "Armònia", nei saloni di Palazzo Albicini a Forlì, in corso Giuseppe Garibaldi, 80,  grazie all'ospitalità del "Circolo Della Scranna", nella persona del dott. Mambelli, si è tenuto il Concerto Per Clarinetto e Pianoforte di XHOVAN DIMO E KIM FABBRI.

L'evento si è realizzato per la Direzione Artistica di Filomena de Pasquale e grazie alle CANTINE TEANUM di San Paolo di Civitate (FG) che hanno offerto una degustazione dei vini più eletti ora presenti a Forlì presso il CONAD RAVALDINO per iniziativa di Mauro Lazzarini che cura personalmente il corner enoteca del ricco punto vendita nei pressi del Parco Urbano.

Il Direttore Commerciale della dinamica azienda pugliese, il dott. Angelo Altieri, a conclusione del Concerto, si è intrattenuto con i numerosi ospiti per illustrare le caratteristiche organolettiche dei prodotti enologici e per opportuna guida nella degustazione, accompagnata dai tradizionali tarallini di Capitanata.

Gli Amici di Armònia, Franca e Mauro, de "Il Mughetto", via Antonio Baldini 2d , al Ronco, Forlì, hanno offerto i fiori in decoro della suntuosa sala  dei convegni di Casa Albicini e Renato Lombardi ha curato sapientemente la illuminotecnica dell'evento.

XHOVAN DIMO e KIM FABBRI sono stati applauditi a lungo dal caloroso pubblico forlivese che ha sollecitato gli artisti a ripetuti bis.

La dott.ssa Marta Donati, peraltro anche lei musicista e rifondatrice di Armònia, ha presentato la serata, coinvolgendo al microfono il dott. Mambelli e l'animatrice dell'Associazione, Filomena de Pasquale che al termine del concerto ha abbracciato gli ex allievi ed ora giovani colleghi, consegnando loro fiori e una chiave di violino realizzata per l'occasione dalla SIAN di Forlì di Sivio Zanotti.

Il nostro indirizzo

Associazione Culturale

"Armònia"

meeting point:

" Circolo della Scranna"

c.so G.Garibaldi, 80

47121 Forlì

tel- 3475915239

SEGUICI

SULLA PAGINA FB  - Armonia proposte culturali

Questo sito è stato creato nel gennaio del 2015 ed è stato visitato

volte

Ci trovate qui:

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Filomena de Pasquale